Sabato, 20 Gennaio 2018

Ti potrebbe anche interessare

nuovola di fuksasIl 29 ottobre 2016 c’è stata l’inaugurazione del Nuovo Centro Congressi e Hotel dell’EUR , nota a tutti come la “Nuvola”. Lo studio Fuksas è stato l’ideatore di questo grande progetto, uno dei più rilevanti negli ultimi 50 anni a Roma.

Come spesso accade a Roma, di fronte alla realizzazione di progetti di questa portata ci sono state numerose polemiche, prima legate alla reale utilità per la capitale di un edificio di questo genere, poi per i costi che sono ammontati a quasi 239 milioni di euro, poi per lo stile architettonico, ed infine ai tempi di realizzazione quasi 18 anni. Insomma come succede in queste occasioni la Nuvola ha generato un bel po’ di controversie. Anche lo storico dell’Arte Vittorio Sgarbi non è stato da meno con la sua valutazione queste le sue parole al Giornale: "Ha l'apparenza di una serra dentro la quale si apre un fiore, la Nuvola, che in origine doveva essere en plain air, e ora appare chiusa, e quindi protetta in una teca di vetro. Fuksas ci introduce così a una grande aula modulare per accogliere fino a 8000 persone, un iperbolico palazzo dei congressi nella sua più essenziale configurazione. Salendo attraverso scale mobili di moderata inclinazione, e di eccezionale lunghezza, si entra nel'auditorium da 1800 persone, sospeso nel vuoto come nel calice di un fiore… I vasti spazi rettilinei hanno una freddezza ospedaliera e un munumentalismo funerario da sacrario più che da fiera, una estensione commemorativa di epoche e stili del passato che li assimilano a Redipuglia e rendono le presenze umane fantasmi come gli uomini magrittiani, allineati in militaresche processioni sulle pareti della Nuvola dal regista Giampiero Solari, per la giornata di inaugurazione. Speriamo che a questo spazio, pensato per i morti da Fuksas, ridia vita Enrico Pazzali."

Ci vorrà del tempo per capire la portata di questo nuovo edificio e gli introiti che porterà alla città di Roma,

Situato in una zona strategica di Roma il complesso progettato da Massimiliano Fuksas vuole richiamare nelle linee semplici ed ortogonali l’architettura razionalista degli anni Trenta, tipici del quartiere dell'EUR.
Elementi cardine della struttura sono tre distinti elementi architettonici: la Teca, la Nuvola e la Lama. La Nuvola elemento principale ed iconico del progetto è sospesa all’interno della Teca, “contiene” l’Auditorium con ben 1800 posti e cinque livelli principali collegati fra di loro con scale mobili e alla Teca con passerelle sospese. La Nuvola  è rivestita da 15.000 mq di fibra di vetro membrana altamente avanzata e silicone ignifugo, il rivestimento dell’Auditorium invece è con pannelli curvi in legno di ciliegio americano, ideali per assicurare condizioni acustiche ottimali. Indipendente da questi elementi è la Lama un edificio di 17 piani che ospita l’Hotel con 439 stanze, 7 suite, una SPA e un ristorante.
Voi che cosa ne pensate della Nuvola di Fuksas? Ai posteri l’ardua sentenza!

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso