Venerdì, 19 Gennaio 2018

settimianaCi sono degli angoli di Roma che, pur trovandosi in zone ricche di storia e tradizione nonché molto frequentate, non sono opportunamente noti, almeno non nel senso letterale del termine. Uno di questi è la Porta Settimiana, appartenente alle Mura Aureliane e nel bel mezzo di Trastevere, tra via della Lungara e via della Scala, proprio sotto il Gianicolo.

E’ difficile pensare che ci sia un romano che non abbia avuto l’occasione di passarci attraverso almeno una volta. E certo anche gran parte dei turisti che, visitando la città, hanno voluto scoprire gli affascinanti vicoli di Trastevere, ci saranno facilmente capitati. Eppure non si può dire che, almeno dal nome, sia una delle Porte più famose di Roma.

regina_coeliLa storia però testimonia che è una tra le più antiche rimaste esattamente dove fu costruita: la sua edificazione risale probabilmente al primo secolo avanti Cristo, anche se la prima citazione storica, con il nome che ancora porta, risale solo al terzo secolo dopo Cristo quando, per volontà dell’imperatore Aureliano, vennero costruite le omonime mura a difesa della città.
Uscendo dalla Porta Settimiana si andava un tempo verso gli Horti Imperiali, quella parte della campagna dove sorgevano le sontuose ville dei nobili che lì andavano a riposarsi dalle fatiche della vita politica. Allora era appositamente fortificata, e rimase tale anche quando Alessandro VI Borgia la fece ornare, nel sedicesimo secolo, con i merli che ancora la sormontano. Allo stesso periodo risale anche via della Lungara, allora detta via Recta, che era stata pensata e predisposta per portare i pellegrini dal porto sul Tevere, proprio nelle vicinanze della porta, a San Pietro, come una sorta di via Santa verso il tempio della cristianità.
Quando poi nel Seicento le mura Aureliane vennero soppiantate da quelle Gianicolensi, più esterne e più alte, Porta Settimiana perse il suo ruolo difensivo e simbolico di ingresso nella città eterna, e conseguentemente anche la sua importanza strategica e quella formale.

Il nome che ancora porta sembra risalire al figlio dell’imperatore Settimio Severo, Publio Settimio Geta, cui appartenevano anche gli Horti Getae adiacenti al Tevere, anche se in alcuni testi si preferisce invece legarlo al Tempio di Giano, che si trovava poco a nord (porta a settentrione di Giano sembra essere in questo caso l’origine più accreditata del nome).

Oggi la Porta Settimiana si trova tra il carcere di Regina Coeli e le stradine di Trastevere, piene di locande e ristorantini, dietro l’orto botanico e vicino alla chiesa di Santa Croce delle Scalette, o del Buon Pastore, dove nell’Ottocento molte ragazze venivano mandate dal giudice dei minori per essere redente e rieducate, dopo aver subito violenza o essere state costrette alla prostituzione.
Incastonata in una sorta di percorso che si alterna tra meravigliose ville nobiliari e tristi edifici di riscatto dallo squallore della povertà, tra lo sfarzo dei palazzi della vecchia nobiltà, ora trasformati in centri di cultura, e l’antica miseria del popolo che ancora si legge sui muri del carcere, la Porta Settimiana si erge ancora testimone imponente di secoli di storia tra il fiume e il colle Gianicolo.

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti, ad esempio per un compleanno, scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure i regali last minute

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso