Giovedì, 22 Febbraio 2018

anita_ekbergL'opera capolavoro di Fellini ha un'interprete d'eccezione, la città di Roma.
Scene come il bagno di Anita Ekberg nella fontana di Trevi o i flash dei fotografi a via Veneto, sono impresse nella memoria di ognuno di noi e ormai pagine della storia del cinema.

Primavera del 1959. Con un regista come Fellini ed Ennio Flaiano e Pier Paolo Pasolini tra gli sceneggiatori, ‘La Dolce Vita' ha tutte le premesse per diventare un capolavoro.
Il film, che vede i primi ciack a Cinecittà per poi trasferire il suo indimenticabile set nelle vie della capitale, doveva avere inizialmente come protagonista maschile Paul Newman, cui viene in un secondo momento preferito Marcello Mastroianni, consacrandolo definitivamente nell'Olimpo degli attori.
L'opera viene girata in sei mesi, in 92.000 metri di pellicola, e vincerà la Palma d'Oro al 13° Festival di Cannes.

ladolcevita‘La Dolce Vita', tuttavia, è molto di più di un film sulla vita notturna della Roma del tempo.
E' un film complesso e a tratti drammatico, dove Marcello, il protagonista, vive la sua carriera di reporter scandalistico scontrandosi con le sue ambizioni frustrate di scrittore, in continuo conflitto tra le sue origini provinciali e la vita nella grande città.
Ed è anche un film tragico, dove il tentato suicidio della fidanzata di Marcello stride con le avventure di quest'ultimo con Sylvia, la diva interpretata da Anita Ekberg, e dove la strage familiare culminata in suicidio dell'amico scrittore Steiner, contrasta fortemente con l'atmosfera delle feste in cui Marcello si trascina continuamente.

La sorte de ‘La Dolce Vita', all'inizio fu però tutt'altro che facile.
La sera della prima, al cinema Capitol di Milano, Fellini venne apostrofato come ‘vigliacco comunista', e il film definito uno ‘schifo e una vergogna'.
Le polemiche sulla stampa nazionale infuriarono, e vi furono addirittura delle interpellanze parlamentari, nelle quali si richiese la censura della pellicola ed il suo ritiro dalle sale cinematografiche per motivi di ordine pubblico.
Fellini aveva portato allo scoperto i vizi dell'Italia moralista, descrivendone i riti pagani, come il famoso bagno nella fontana, ed orgiastici, come nell'altrettanto famosa scena della festa.

Il film non solo non fu ritirato, ma venne ben presto considerato uno dei maggiori capolavori del cinema mondiale.
A‘La Dolce Vita' va il merito di aver rappresentato l'esistenza nella sua dimensione tragica e nella sua dimensione di sogno, in cui veniamo trascinati ogni volta che tra gli spruzzi d'acqua sentiamo la voce di Sylvia sussurrare: ‘Marcello, Marcello, come here...'

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso