Martedì, 20 Febbraio 2018

Locandina di Un borghese piccolo piccoloPensa a te, Mario, pensa solo a te! Ricordati che in questo mondo basta fare sì con gli occhi e no con la testa, che c'è sempre uno pronto che ti pugnala nella schiena. D'altronde io e tua madre siamo soddisfatti: abbiamo un figlio ragioniere, che vogliamo di più? Per noi gli altri non esistono. Tu ormai sei sistemato, noi siamo vecchi: non c'abbiamo altre ambizioni. Tutto quello che vogliamo è morire in pace, con la coscienza a posto.
A pronunciare questo breve discorso è Giovanni Vivaldi rivolgendosi al figlio Mario e già si potrebbe comprendere bene l'atmosfera che si respira nel film “Un borghese piccolo piccolo”. La tristezza aleggia, il dramma irrompe sconvolgendo la vita, ma il tutto è accompagnato anche da momenti più leggeri, tipici della commedia. Non a caso, a dirigere questo film del 1977 è Mario Monicelli, uno dei massimi rappresentanti della commedia all'italiana.

Il regista, ed è questo l'aspetto che tocca di più sottolineare, decide di mettere in un angolo la risata e concentrarsi invece su di un Paese che sembra aver perduto tutti i caratteri positivi prima esistenti. Non rimane, quindi, che mostrare la tragedia di un uomo, Giovanni Vivaldi, alle prese con la violenta morte del figlio e la sua personale vendetta.
Ma chi è Giovanni, questo personaggio interpretato magistralmente da Alberto Sordi? Costui è un impiegato oramai quasi giunto alla fatidica età della pensione. La sua è una vita senza troppe pretese, tutta incentrata sul lavoro e sulla famiglia. Grandi comunque sono le sue aspettative nei confronti del figlio Mario (Vincenzo Crocitti), che da poco si è diplomato ragioniere. Il giovane, tuttavia, non è proprio brillante e non ha chissà quali aspirazioni nella vita. Il padre allora tenta di inserirlo nell'ufficio di un Ministero. Per aiutare il ragazzo, Giovanni arriva perfino ad iscriversi presso una loggia massonica, in modo tale da conoscere persone influenti ed ottenere magari dei favori. Questo, in effetti, avverrà e l'umile impiegato si ritroverà tra le mani addirittura il testo del tema della prova scritta per il concorso al quale parteciperà Mario. Ecco però che arriva la tragedia, ossia la morte del figlio avvenuta nel corso di una rapina.
Scena tratta dal film Un borghese piccolo piccoloUna pallottola vagante, infatti, lo colpisce proprio mentre si recava, assieme al padre, a svolgere la prova scritta del concorso bandito per i posti al Ministero. Giovanni prova, chiaramente, un grande dolore, mentre la moglie (Shelley Winters) arriverà a perdere perfino la voce, rimanendo invalida. La vendetta sembra risultare l'unica soluzione e Giovanni arriverà ad individuare l'assassino del figlio, tuttavia deciderà di sottrarlo alla cattura della polizia, per poi tenerlo suo prigioniero in un capanno per la pesca, dove assisterà, fra imprecazioni e scatti d'ira, alla sua morte sopraggiunta sin troppo presto. Come se non bastasse, arriva la morte della moglie troppo schiacciata dal dolore e dalla gravità della sua invalidità. Giovanni rimane, dunque, solo e tormentato dalla morte delle persone a lui più care e con la piena consapevolezza di avere ormai perduto la ragione, il discernimento.
I punti di forza del film sono diversi, in primo luogo la grandezza di Sordi, ma anche il soggetto ad opera di Vincenzo Cerami (il film è tratto proprio da un suo romanzo omonimo, pubblicato l'anno precedente all'uscita del film). Costui lo si ricorda principalmente per aver sceneggiato “La vita è bella” di Benigni. In realtà, ha collaborato a tantissimi altri film, alcuni dei quali di ottimo spessore, ad esempio “Segreti segreti” di Giuseppe Bertolucci, e “Tutta colpa del paradiso” di Francesco Nuti.
Il film di Monicelli è girato a Roma e si riconosce, ad esempio, il quartiere del Pigneto. La famiglia Vivaldi, infatti, abita in uno stabile situato su Piazzale Prenestino, ma possiamo notare, in diverse scene, via Cavour, il quartiere del Quadraro, via Casilina ed il Complesso dell’Istituto Romano di San Michele.
“Un borghese piccolo piccolo” segna, perciò, il distacco di Monicelli dalla satira sociale, puntando sulla drammaticità degli eventi, sulla profondità dei personaggi. Potremmo aggiungere che il film rappresenta l'ultimo atto della commedia all'italiana che grandi successi, fino a quel momento lì, aveva ottenuto. La società italiana stava inevitabilmente ed irrimediabilmente cambiando e ciò non poteva che riversarsi pure sul cinema. Monicelli, attento osservatore e critico della realtà socio-culturale del Paese, ne ha preso atto. “Un borghese piccolo piccolo” è proprio la presa di coscienza di un grande regista ma, forse, di una Nazione intera.

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso