n°   407
Giovedì, 25 Maggio 2017

Guardie e ladriTe sparo, sai.
Non puoi.
Perché?
Puoi sparare solo per legittima difesa: io non offendo.
Va be', allora sparo in aria a scopo intimidatorio.
E va be', io non mi intimido e sto qua.

“Guardia e ladri”, il film del 1951 di Mario Monicalli e Steno, è uno dei massimi esempi di commedia mai partoriti dalla cinematografia italiana. Si mescola sapientemente comicità e dramma, equivoci e tragedia. Per non parlare poi degli attori, gli indimenticabili Totò ed Aldo Fabrizi, qui in forma strepitosa.

Far ridere gli spettatori e, allo stesso tempi, farli pure riflettere un po' senza appesantire troppo. Questo è, possiamo dire, il segreto dell'enorme successo di questo film che, ricordiamo, è stato presentato alla 5ª edizione del Festival di Cannes, dove Piero Tellini si è portato a casa il premio come miglior sceneggiatura, mentre Totò ha vinto il Nastro d'Argento assegnato dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani.

“Guardie e ladri” è ambientato a Roma nel secondo dopoguerra. Si tratta, perciò, di un periodo non semplice per tutto il Paese. Ci si affanna per rinascere, per riportare in alto il nome dell'Italia uscita a dir poco malconcia dal conflitto mondiale. C'è povertà, ma anche voglia di darsi da fare, di cercare un mezzo per sopravvivere. Ecco allora Ferdinando Esposito, interpretato in modo magistrale da Totò, ossia un ladruncolo che cerca di sbarcare il lunario con piccoli furti. Tutto ciò lo fa, è bene dirlo, per mantenere la sua famiglia. Assieme al suo amico Amilcare (Aldo Giuffrè) finge di aver trovato una moneta antica nel Foro Romano e la vende per 50 dollari ad un turista americano, Mr Locuzzo (William Tubbs), che si accorge troppo tardi della truffa oramai avvenuta suo danno. Poi ci ritroviamo davanti al Teatro Quirino, dove avviene la distribuzione di alcuni pacchi-dono, destinati alle famiglie romane in difficoltà. I due ladruncoli assoldano un gruppo di bambini, che dovranno recitare la parte dei loro figli, tuttavia Esposito è senza biglietto. All'entrata del teatro incontra un agente di polizia, ovvero il brigadiere Lorenzo Bottoni (Aldo Fabrizi), il quale per non bloccare la fila gli permette lo stesso di entrare. Subito, però, il colpo di scena, perché il presidente del comitato di beneficenza è proprio quel turista americano truffato, e durante la distribuzione dei pacchi riconosce Ferdinando e decide così di denunciarlo.
Inseguimento Guardie_e_ladriDa qui in poi assisteremo al lunghissimo (e divertentissimo) inseguimento da parte del grasso brigadiere Bottoni.  I due, nel proseguo del film, si conosceranno meglio, scoprendo di avere pure molti problemi in comune, ad esempio, difficoltà economiche, problemi in famiglia, ecc. Tutto questo permetterà a loro di divenire amici, anche se la guardia dovrà portare comunque a termine il suo dovere. Al termine del film i ruoli, possiamo dire, si ribalteranno con Ferdinando che comprenderà la situazione del brigadiere e deciderà di lasciarsi arrestare. Una vita grama accomuna le due famiglie, ma i ruoli sono diversi: Bottoni è la guardia, mentre Esposito è il ladro. Tuttavia, sarà un senso di solidarietà e comprensione a prevalere, perché durante la permanenza in carcere del ladro, sarà proprio Bottoni a badare anche alla famiglia di Ferdinando.
Tutto bello, dunque, ma la censura dell'epoca decide di mettersi in mezzo. La commissione censura, infatti, non tollerava che un agente di pubblica sicurezza stringesse legami di amicizia con un ladro e, addirittura, con la famiglia. Alla fine i due registi, una volta accontentata la pressante commissione con qualche taglio ed alcune modifiche, riuscirono ad avere il tanto agognato via libera.
La lunga scena dell'inseguimento rimane la più bella del film e lì possiamo notare alcune location romane. Ecco allora Via delle Vergini, Via dell'Umiltà, per poi arrivare in Via dei Campi Sportivi e, infine, nel luogo dove oggi si trova la circonvallazione Salaria.
Bellissimo esempio, perciò, di “neorealismo comico”. La realtà raccontata, quindi, con un taglio comico ma non banale. Il passaggio di Totò ad un nuovo personaggio, che mostra un volto non più solo comico ed irriverente, ma anche prossimo al drammatico, venne particolarmente apprezzato sia dagli spettatori che dalla critica sempre esigente.
Un film, perciò, assolutamente perfetto: grande cast, ottima regia, soggetto e sceneggiatura all'altezza...
Oggi, troppo spesso, si utilizza il termine “commedia” per etichettare un film. Si tratta, teniamolo a mente, di un genere di assoluta qualità. Quella di oggi è commedia, in larga parte, di basso profilo e che strizza l'occhio a tutto ciò che è commerciale e di scontato. Esilarante è l'inseguimento che vede coinvolti Totò e Fabrizi, oggi c'è l'inseguimento alla mediocrità...

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere cresima solidali e i sacchetti portaconfetti per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso