Giovedì, 14 Dicembre 2017

Roma Barzotta art

#Roma Barzotta esclama Davide Desario dalla copertina del suo ultimo libro pubblicato da AvaglianoEditore. Barzotta, cioè così così, capitale e città di provincia, bella ma impossibile, sacra però con un’anima pagana. Il giornalista romano ha raccolto il meglio della sua rubrica settimanale su Il Messaggero, dove da anni descrive una città eterna nel suo fascino e nei suoi mali. Il suo è uno sguardo innamorato da sempre, che però non gli impedisce di cogliere vizi cronici e difetti insopportabili, anzi, a volte si fa severo proprio come con qualcuno da cui non si accetta di venire delusi.
Soffocata da traffico, abusivismo ed inefficienza, Roma ha visto tutto: guerra, terrorismo, corruzione, e a tutto ha resistito, come i suoi abitanti, perché, - scrive Desario -, “se sai sopravvivere a Roma vivi benissimo ovunque. E’ un allenamento quotidiano.” In questo i romani si servono di un’arma speciale, l’ironia: spiazzante, talvolta greve, ma imbattibile. Serve a sdrammatizzare, riderci su e ad affrontare i problemi di ogni giorno. “Se chiedi, - nota l’autore -, un’indicazione stradale, non te la danno, ti dicono direttamente: Seguimi, che te ce porto io.
Desario ha raccontato la vita delle periferie romane tra gli anni ’70 e ’80 nel fortunato romanzo autobiografico Storie bastarde. Quei ragazzi cresciuti tra Pasolini e la banda della Magliana (Avagliano), scelto da EZ Rome come libro di luglio 2011. Ha ricevuto il riconoscimento speciale del Premio Cronista nel 2008 e ha vinto l’Amalfi Coast Media Award nel 2009. Dal 2013 guida la redazione de ilmessaggero.it.

Desario Davide artSignor Desario, la Capitale è una donna sempre molto bella ma profondamente ferita. Da romano che ama visceralmente la propria città, anche alla luce delle recenti e tristi vicende, come vive questo rapporto?
DD: E' un rapporto altalenante, controverso. Roma ti abbraccia e ti illude con la sua bellezza e un secondo dopo ti prende a schiaffi con il suo degrado e la sua sciatteria. Roma fa rabbia perché è il festival delle occasioni perse: perché con i tesori che ha, (nessuna città è un museo a cielo aperto come la Capitale) potrebbe e dovrebbe essere valorizzata, essere una grande meta di turismo. E invece il mondo sempre di più ci conosce per le cose che non vanno. Vivere a Roma è diventato sempre più difficile. Da un lato, certo, è una palestra: se sopravvivi a Roma, scrivo nel mio libro, puoi vivere benissimo ovunque. Ma non è possibile che qualsiasi altra città del mondo funzioni meglio di Roma.

In #Roma Barzotta lei parla di una città che sa rendere spesso la vita impossibile a chi ci vive, ma poi, con un improvviso sprazzo di sole su una delle sue meraviglie, sa farsi perdonare. Tra i trambusti quotidiani c’è qualcosa che ha la capacità di rimetterla in pace?
DD: Sicuramente. D'estate, per esempio, passeggiare di sera per Roma è fantastico. Non solo i vicoli di Trastevere. Ma è bello il ponte della Musica, certi angoli di Monti, Colle Oppio, per non parlare degli scavi di Ostia Antica e la Villa di Plinio a Castelfusano. E poi i romani, quando non sono sciatti e menefreghisti, sono fantastici. Nessuno generoso come loro. Nessuno ha tolleranza come i romani. D'altronde le hanno viste tutte. E poi quell'ironia, a volte greve, ma unica: un bar, un mercato, un barbiere dovunque ascoltando le battute dei romani ti rimetti in pace.

Un giorno racconta di aver osservato dei bambini che giocavano al gioco del contrario. Ad un certo punto uno di loro ha detto: “Nel 2015 parliamo al contrario e facciamo tutto al contrario.” Come immagina una Roma cambiata?
DD: Roma non ha bisogno di grandi cambiamenti. Se non uno: saper far funzionare quello che ha. E allora immagino delle strade senza buche, dei trasporti regolari dove tutti pagano il biglietto e forse si vedrebbero meno auto in giro, giardini e ville tenute in ordine e pulite, muri senza scritte, niente abusivismo commerciale per le strade a difesa del decoro ma anche dei piccoli e medi commercianti che pagano tasse e danno posti di lavoro.

#Roma Barzotta
di Davide Desario
Avagliano Editore

 

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso