n°   407
Giovedì, 25 Maggio 2017

Ti potrebbe anche interessare

Cronaca

Fatti di cronaca di particolare evidenza della Capitale e dintorni.

Abbandono scolastico, progetto Fuoriclasse all'Istituto Aniene
“Work Experience geospaziali attraverso la piattaforma informatica ArcGis”, è questo il titolo dell'iniziativa vincitrice dell'avviso indetto dalla Regione Lazio e rivolto agli studenti a rischio dispersione

Il progetto Fuoriclasse arriva all'Istituto Aniene, vincitore dell'avviso pubblico indetto dalla Regione Lazio con l'iniziativa “Work Experience geospaziali attraverso la piattaforma informatica ArcGis”.

In linea con quanto indicato nella Strategia Europa 2020, al fine di incidere sui livelli persistenti di abbandono scolastico e formativo pari al 12,5% e in lieve aumento (fonte Eurostat 2015), attraverso l’avviso Fuoriclasse la Regione Lazio intende sviluppare percorsi legati al campo dell’istruzione che impattino sul mondo della scuola.

Il progetto vincitore dell'Istituto Aniene ha come destinatari delle attività di apprendimento in situazione lavorativa 40 studenti dell'ultimo triennio dei corsi di “Gestione Ambiente e Territorio” e “Costruzioni, Ambiente e Territorio”.

L’alternanza scuola-lavoro proposta consentirà agli studenti di integrare i propri curricula disciplinari con metodi e strumenti che appartengono all'area delle nuove tecnologie per il territorio e l'ambiente. In particolare, saranno approfondite le funzioni operative principali della piattaforma informatica ESRI ArcGIS, scelta per la sua idoneità ad un uso didattico e per la diffusione e l'utilizzo presso studi professionali, Enti ed Amministrazioni pubbliche.

Il percorso prevede 68 ore di didattica tra lezioni ed esercitazioni pratiche al computer. Sudddivisione in due gruppi per le fasi operative del progetto: fino a febbraio 2017 avrà luogo negli edifici dell’Istituto superiore Aniene - ubicati in via Tiburtina 994 a Roma - la fase scolastica di apprendimento del programma ArcGis; la work experience verrà svolta negli studi professionali convenzionati a partire da marzo 2017 a giugno 2017 dove i ragazzi, sotto la supervisione di un tutor aziendale, potranno sperimentare l’utilizzo del programma sui casi reali.

Per gli studenti del corso in “Gestione Ambiente e Territorio” il progetto interverrà nel quadro delle competenze connesse al saper agire in aspetti relativi alla gestione del territorio, con specifico riguardo agli equilibri ambientali e a quelli idrogeologici e paesaggistici. Per gli studenti del corso in “Costruzioni, Ambiente e Territorio”, il progetto si inserirà nel quadro delle competenze connesse all’utilizzo degli strumenti informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo, nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici e nell’utilizzo ottimale delle risorse ambientali.

Per ulteriori informazioni:
Istituto Aniene
Via Tiburtina, 994, 00156 Roma
sito: istitutoaniene.it

EMERGENZA TERREMOTO:
AL RESTAURO DEL PATRIMONIO CULTURALE DEI TERRITORI COLPITI
L’INCASSO DI SABATO 5 NOVEMBRE

Per esprimere la sua vicinanza alle popolazioni e ai territori colpiti dal terremoto, la Fondazione MAXXI ha deciso di devolvere l’intero incasso di sabato 5 novembre agli interventi di restauro del patrimonio culturale gravemente colpito dal sisma.

 

Fondazione MAXXI
Via Guido Reni, 4/A, 00196 Roma

OLIMPIADI ROMA 2024: CODACONS SCRIVE AI CONSIGLIERI COMUNALI. SUBITO CONFRONTO URGENTE PER CAPIRE PROGETTO E VALUTARE CONSAPEVOLMENTE

IN ASSENZA DI INCONTRO PUBBLICO, ASSOCIAZIONE PRONTA AD IMPUGNARE AL TAR LE DECISIONI DEL COMUNE SUL "NO" ALLA CANDIDATURA DI ROMA

A seguito della conferenza stampa tenuta oggi dal Codacons, nel corso della quale sono stati illustrati i risultati del sondaggio secondo cui l'85% dei romani è favorevole a candidare Roma alle Olimpiadi del 2024, l'associazione ha inviato una richiesta urgente a tutti i consiglieri comunali della capitale, al Coni e al Cio.

"Abbiamo chiesto un incontro urgente tra consiglieri comunali, Coni e Cio, prima del Consiglio comunale che dovrebbe ratificare il "no" alla candidatura di Roma, volto ad un approfondito confronto sulle Olimpiadi, attraverso una analisi dei progetti presentati dal Codacons e dal del Comitato promotore di Roma 2024 – spiega il presidente Carlo Rienzi – Ciò non per far cambiare idea sui giochi olimpici all'amministrazione comunale, ma perché qualsiasi decisione sia presa nella piena consapevolezza e sulla base di scelte ragionate e basate sulla documentazione prodotta. L'esperienza delle passate Olimpiadi e dei più recenti Mondiali di calcio è e resta negativa, ma alla luce delle nuove regole fissate dal Cio e della tanto pubblicizzata capacità del M5S di garantire il rispetto delle norme, i Consiglieri devono conoscere bene i termini della questione Olimpiadi prima di adottare qualsiasi decisione definitiva".

In caso contrario, il Codacons annuncia già da ora un ricorso al Tar del Lazio contro qualsiasi delibera del Consiglio comunale che ritiri la candidatura di Roma senza aver prima valutato i progetti e ascoltato l'opinione dei romani, per carenza dell'obbligatoria partecipazione dei cittadini che potrebbe annullare le decisioni in materia.

ROMA, OLIMPIADI: CODACONS, DOPO UN SONDAGGIO TRA I ROMANI, PRESENTA UN PROGETTO CHE PREVEDA L' "ADOZIONE" PER IL RECUPERO DI 15 PERIFERIE, LE SPESE DELLE OLIMPIADI A CARICO DEGLI SPONSOR PRIVATI, UNA GOVERNANCE CON TERMINI RIGOROSI E CONTROLLI E SANZIONI PESANTI PER LE INADEMPIENZE
CODACONS CHIEDE ALLA RAGGI DI CONVOCARE ENTRO 30 GG. UNA CONFERENZA DEI SERVIZI IN BASE ALL'ART. 14 DELLA LEGGE 241/90

MERCOLEDI' 21 SETTEMBRE CONFERENZA STAMPA DOVE SARANNO FORNITI I DETTAGLI DEL PROGETTO. INVITATI LA SINDACA RAGGI, IL PREFETTO, IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, IL PRESIDENTE DEL CONI, CONFINDUSTRIA E CONFCOMMERCIO

Dopo i clamorosi e inattesi risultati del sondaggio sulle Olimpiadi a Roma realizzato dal centro studi del Codacons, che vede l'85% dei romani favorevoli ai giochi olimpici nella capitale, l'associazione annuncia oggi un deciso cambio di rotta sul tema, ma solo a condizione di un vero e proprio progetto strutturale per trasformare le Olimpiadi in una possibilità di ricchezza per i cittadini e salvezza per le periferie romane.

Progetto che sarà illustrato lunedì 21 settembre alle ore 12 nel corso di una conferenza stampa organizzata dal Codacons cui sono stati invitati: il Sindaco Raggi, il presidente Coni, Giovanni Malagò, il Prefetto di Roma, il Presidente del Consiglio , Confindustria e Confcommercio.

"Su precisa richiesta dei romani abbiamo deciso di appoggiare la candidatura della capitale, ma solo a precise condizioni – spiega il presidente Carlo Rienzi – Tutte le perdite economiche della capitale legate ai giochi dovranno essere a carico degli sponsor, ossia di quelle aziende che sponsorizzano il proprio marchio durante le Olimpiadi. Serve poi una "legge olimpica" approvata dal Parlamento che preveda una joint-venture tra le federazioni sportive e i marchi commerciali, e un piano di "adozione" di 15 periferie romane con il quale imprese e Coni si obbligano a creare servizi, strutture ricettive, spazi verdi e una rete di trasporti efficienti in 15 quartieri della capitale particolarmente degradati".

Il tutto in 24 mesi, con procedure agevolate e sotto il rigido controllo dell'Anac, prevedendo pesanti sanzioni, proporzionali ai bilanci degli sponsor, in caso di ritardi e inadempienze.

In tal senso il Codacons ha inviato una formale richiesta al sindaco Virginia Raggi, affinché convochi una conferenza dei servizi in base all'art. 14 della legge 241/90, con CONI , la Presidenza del Consiglio, Confindustria, Confcommercio, federazioni sportive, allo scopo di giungere ad un accordo tra tutte le parti in causa che escluda rischi economici e danni per Roma e per i cittadini e porti a una riqualificazione certa delle periferie.

Ancora critica la situazione delle scuole dell'Axa-Malafede: nonostante ripetuti solleciti alle istituzioni territoriali da parte dell'Associazione che opera da anni nel quartiere, persistono gravi problemi di edilizia scolastica che complicano ormai da molto tempo la vita dei bambini e delle rispettive famiglie.
Alla scuola elementare di Via Ghiglia è ancora da riparare il soffitto della palestra, che per il secondo anno consecutivo risulta impraticabile e impedisce agli scolari di svolgere attività fisica.
Ancora chiuso il cantiere per la costruzione della scuola media in via Molajoli, così come in via Euripide non sono stati avviati i lavori di abbattimento e ricostruzione dell'ex scuola dell'infanzia Pegaso, lasciando l'area, che confina con una scuola elementare, in stato di abbandono e degrado pericoloso.
Infine, nessuna risposta circa la richiesta di realizzazione di una zona a 30 km orari in particolare nelle vie di grande scorrimento, come via Ghiglia e via Menzio, dove sono ubicati i plessi scolastici, i bambini attraversano la strada, e si sono già verificati diversi incidenti tra autovetture.
"Abbiamo inviato di recente una mail al Commissario di Ostia Domenico Vulpiani, e a quello di Roma Paolo Tronca - precisa il Presidente dell'Associazione Axamalafede-Villa Fralana, Roberto Trapani – in cui si sollecita un intervento sulle scuole. Gli interventi devono essere rifinanziati, dal momento che a suo tempo sono stati assegnati fondi, ma i progetti sono ormai datati. Ci auguriamo di ricevere risposte concrete."

Ancora una volta una triste storia di anziani vittime di soprusi. Si è appena chiusa l’operazione delle Forze di Polizia nella casa di riposo per anziani in località La Storta.
L’indagine, partita da una denuncia alla Procura della Repubblica da parte del Servizio Sociale del Municipio XIV a seguito di segnalazioni anonime che riferivano di urla provenienti da un palazzo della zona, si è conclusa con il sequestro giudiziario della struttura, l’apposizione dei sigilli e la denuncia della titolare. Leggi tutto...

Aperti i cantieri anche all'ospedale San Camillo di Roma, dopo quelli delle altre 11 strutture di Roma più una fuori città. Si tratta dei lavori previsti per il Giubileo. Le opere dovranno potenziare i Pronto Soccorso delle strutture ospedaliere. Il termine dei lavori al San Camillo è schedulato per il 24 novembre. Roma avrà dunque una rete dell'emergenza adeguata all'evento del Giubileo e capace di soddisfare i bisogni non solo dei cittadini, ma anche dei turisti e dei fedeli provenienti da tutto il mondo.

Ludovico Caiazza, presunto killer di Giancarlo Nocchia, è stato ritrovato morto questa mattina nella sua cella del carcere di Regina Coeli, dove era in isolamento da ieri. L’ipotesi è di suicidio. L’uomo infatti si sarebbe impiccato con il lenzuolo, secondo quanto si apprende dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria che ha avviato un’indagine. Anche la Procura di Roma ha aperto un fascicolo sul caso. Leggi tutto...

«Caro sindaco, lascia in pace l’anti abusivismo, che la gente ha fame. Pensa ai corrotti che hai intorno...». Con questa minaccia rivolta al sindaco Ignazio Marino è arrivato anche un proiettile in una busta.
Il pacco è giunto al Centro di Meccanizzazione Postale dell’aeroporto di Fiumicino ieri sera sul tardi ed è stato immediatamente intercettato dagli agenti della Polaria che, ritenendolo sospetto, hanno richiesto l'autorizzazione ad ispezionarlo dal pm della Procura di Civitavecchia.
Sulla busta è riportato anche il mittente, con tutta probabilità falso, del messaggio, che riporta altre minacce personali volte anche ai familiari del sindaco, scritte in una forma piuttosto illetterata ma chiara nelle intenzioni.

“Le persone senza dimora sono portatrici di bisogni sociali essenziali e soggette a rischio di malattie in larga parte prevenibili o curabili con un tempestivo contatto con i servizi sociosanitari”, avverte Francesca Danese, assessora alle Politiche sociali e abitative del Comune di Roma, annunciando la firma, oggi 24 giugno in Assessorato, della dichiarazione di intenti per uno specifico piano di intervento dedicato alle persone senza fissa dimora da parte dell’Assessorato e dei Direttori della ASL Roma A, della ASL Roma B e dell’INMP (Istituto nazionale malattie e povertà).

Leggi tutto...

Una serie di insulti, tra cui: "Siete malati, fate schifo" sono stati rivolti a tre ragazzi su un pullman vicino a Roma. Uno di loro ha baciato sulle labbra un altro giovane alla fermata dell'autobus e, secondo il resoconto del Gay Center, sono fioccati gli insulti, ai quali sarebbero seguiti anche tentativi di aggressione fisica. "Mi segno dove scendete così vi pesto a sangue" sembra che abbia detto un giovane secondo il racconto dell'associazione.

Gli immigrati che vivono nella provincia di Roma hanno superato i 500mila, di cui 350mila nella Capitale. Questi i numeri risultanti da uno studio del Centro studi Idos.
Otre il 52% sono donne, mentre le comunità più numerose sono quelle romene e filippine. Dal 2013 al 2014 gli stranieri residenti a Roma sono aumentati del 40%, il triplo del dato registrato in tutta Italia.
Dallo studio risulta "che il potere di attrazione di Roma è rimasto pressoché intatto, nonostante la crisi".

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti, ad esempio per un compleanno, scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure i regali last minute

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso