Mercoledì, 24 Gennaio 2018

Ti potrebbe anche interessare

Comunicati

Informazioni e notizie degli Uffici stampa specializzati di Roma e del Lazio.

Siamo arrivati con un giorno di ritardo, speriamo che Carlo Verdone ci perdoni.
Anche noi di Ez Rome volevamo fare gli auguri all’attore, regista, produttore e  sceneggiatore romano doc per eccellenza Carlo Verdone.

Ieri 17 novembre il grande artista ha spento 60 candeline,  con alle spalle più di 30 anni di carriera.
In questi anni,  Verdone ci ha fatto ridere, divertire, riflettere, emozionare e coinvolgere attraverso i suoi  straordinari personaggi.
Carlo Verdone è sempre stato un grande osservatore del mondo circostante e attraverso il realismo e un pizzico di ironia ha dato vita ad alcuni personaggi che sono una critica simpatica e scanzonata del romano medio.

Il rapporto con il mondo dello spettacolo è cominciato sin da piccolo grazie al padre Mario Verdone, celebre storico del cinema e docente universitario. Attraverso lui il piccolo Carlo ha frequentato, nell’infanzia personaggi come Vittorio de Sica, Pier Paolo Pasolini e Roberto Rossellini.
Era il 1978 quando debuttò nel programma televisivo Non Stop. Al cinema invece lo troviamo nel 1980, sotto la regia di Sergio Leone dal titolo un Sacco Bello.
Da lì la sua scalata inarrestabile: Compagni di Scuola, Bianco, Rosso e Verdone, Gallo Cedrone, Viaggi di Nozze, al più recente Grande, grosso e Verdone.
Tappa importante della sua carriera fu nel 1982 quando gira in Viaggio con papà con il grande Alberto Sordi.

Nel corso degli anni Verdone è riuscito a rinnovarsi e a evolversi come artista. Questo ha portato nella maturità a film più introspettivi e riflessivi, alcuni dal sapore dolce amaro.
Ha lavorato con i più grandi attori italiani e ha “lanciato” le più talentuosi attrici del nostro paese: Claudia Gerini, Veronica Pivetti e Laura Chiatti.
Ora il sogno nel cassetto di Carlo Verdone è quello di poter lavorare con una delle attrici più brave dell’attuale panorama cinematografico mondiale, Meryl Streep.
Sembra che è addirittura disposto a prendere lezioni di inglese, per un intero anno e a dedicarsi anima e corpo in un film assieme alla star di Hoollywood. Chissà che questo sogno non si avvererà!
Noi lo speriamo e auguriamo a Carlo Verdone, buon compleanno!

 

Per la prima volta una mostra destinata a far conoscere al grande pubblico una delle civiltà più misteriose e affascinanti del centro America.

È stata inaugurata il 9 novembre scorso a Palazzo delle Esposizioni una mostra dedicata a Teotihuacan in Messico conosciuta come la città degli Dei.
In mostra vi sono oltre 300 capolavori in grado di stimolare i visitatori verso la comprensione di questa civiltà che affascina per i suoi misteri ed enigmi.
Si potranno ammirare reperti di scultura monumentale, pitture murali, rilievi in onice, statuette in ossidiana e pietra verde, e molto altro.
Molte delle opere in mostra hanno delle tematiche legate alla credenza religiosa e ai racconti mitici di questa fantastica civiltà.
Teotihuacan sorse intorno al II secolo d. C. nel Messico centrale
, nel corso dei secoli era conosciuta da tutti i popoli dell’area dell’America Centrale.
La sua popolazione raggiunse i 200.000 abitanti e arrivò a dominare quasi l’intera area dell’attuale Messico.
La sua grandiosità politica
che raggiunse l’apice tra il 150 e il 450 d. C., si riversò anche nel campo artistico, tanto che l’Impero eccelse in ogni genere di arte.
Ora il suo prestigio è omaggiato in un’esposizione da non perdere a Palazzo delle Esposizioni sino al 27 febbraio 2011.


Sabato sera a Roma (anche in tutta Italia) c’è l’imbarazzo della scelta. Dalle ore 20.00 alle 2.00 di notte ci saranno nella capitale 100 spettacoli musicali gratuiti nei musei e nei luoghi d’arte.

Dopo il successo della seconda edizione dell’anno scorso torna la manifestazione Musei in Musica che, come ha sottolineato Claudio Strinato, è finalizzata per “generare una fruizione musicale degli spazi museali. La musica è una forma d’arte che deve essere valorizzata e apprezzata in quanto tale, non utilizzata come mero sottofondo, come spesso accade”.

La rivalutazione della musica come genere artistico per eccellenza che viene presentato all’interno delle strutture museali della capitale.
In questo modo le diverse tecniche artistiche vengono fatte convivere armoniosamente tra di loro, cercando di far vivere a chi parteciperà alla manifestazione un’esperienza artistica totalizzante.
Sabato sera nella capitale ben 47 siti culturali hanno aderito all’iniziativa: dai musei agli spazi espositivi, sino alle università e le accademie.
La musica in tutti i suoi generi sarà protagonista: da quella classica a quella leggera, ma anche il tango, il jazz, il blues, la musica latinoamericana e la musica folk.
Quest’ultima fa parte di un progetto rivolto alla valorizzazione dei giovani musicisti folk, dal titolo Folk Music in MusEUms - Young musicians and old instruments.
Impossibile segnalare tutti gli spettacoli di sabato sera, possiamo solo dire che sono per tutti i gusti. Tra i moltissimi eventi segnaliamo la notte di tango alla Galleria Alberto Sordi con la Milonga e la musica dal vivo del quintetto Buenos Aires Cafè che accompagna i rinomati maestri: Roberto Ricciuti e Claudia Fusillo, Mauro Barreras e Ambra De Angelis, Roberta Beccarini e Pablo Garcia, Daniel Montaño e Natalia Ochoa.

Sabato sera sapete cosa fare, mi raccomando accorrete numerosi.

 

I Voca People in concerto all’Auditorium Parco della Musica di Roma

Il gruppo più rivoluzionario dell’anno finalmente sbarca a Roma per uno spettacolo unico ed imperdibile il 12 dicembre.
I Voca People, il popolo di marziani venuti dal pianeta Voca, stanno conquistando il mondo. Ogni loro esibizione è acclamata da milioni di persone.
D’altronde basta andare su You Tube e digitare il loro nome per vedere una loro esibizione e rimanerne folgorati. La loro unicità? La bravura di combinare incredibili suoni vocali, che in gergo tecnico si chiama l’arte del beatbox moderno, che consiste nell’imitazione dei suoni di batteria, trombe, chitarre, senza nessuno strumento ma tutto a cappella.
Basta ascoltare anche solo trenta secondi di un loro motivo che senza accorgersene ci si trova immediatamente a tenere il ritmo e a desiderare di poter assistere ad una loro esibizione live.
I più fortunati ora ne hanno la possibilità, il 12 dicembre terranno compagnia agli umani con uno spettacolo imperdibile all’Auditorium Parco della Musica.
Come sono approdati i Voca People sulla terra? Innanzitutto è da dire che sono venuti in pace, e che dal loro pianeta hanno avuto modo di ascoltare la nostra musica, ma anche quella degli altri pianeti.
Hanno così deciso di andare in tutti i mondi della nostra galassia, come portatori di un messaggio di pace: portare armonia e gioia attraverso la musica.

Riusciranno in questo intento? A voi scoprirlo l’appuntamento è il 12 dicembre alle 21.00!

Sono in molti a guardare con scetticismo i giovani cantanti che escono dai talent show che imperversano nei palinsesti televisivi. Tra i vari vincitori ci sono però quelli che lasciano il segno, tra questi vi è sicuramente Alessandra Amoroso che a due anni dalla vincita di Amici di Maria de Filippi del 2009 non ha fatto altro che mietere un successo dietro l’altro. Questo per merito della sua voce e del suo indiscusso talento.
Alessandra Amoroso è una di quelle cantanti italiane che, a poco a poco, è riuscita a convincere sempre più persone, tanto che la sua pagina ufficiale di Facebook vanta più 472.000 fan.
L’Amoroso poco prima di Natale farà un regalo speciale ai suoi tantissimi sostenitori, due tappe una a Roma il 20 dicembre e una a Milano il 22 dicembre, come anteprima del Tour “Il mondo in un secondo”.
I biglietti sono in vendita dal 20 settembre e si preannuncia già un tutto esaurito.

Alessandra Amoroso in questi anni ha affiancato il grande Gianni Morandi nel programma di Rai Uno,  Grazie a Tutti e ha curato la colonna sonora di Amore 14 di Federico Moccia.

Ora vediamo se riuscirà a partecipare a Sanremo 2011, nel frattempo sembra sicura la partecipazione della sua collega Emma Marrone che ha vinto l’edizione di Amici dello scorso anno. Già nell’edizione del 2010 l’Amoroso aveva cantato alla famosa Kermesse musicale, duettando con Valerio Scanu in una serata speciale, regalando una grande performance.
Per tutti i fan intanto il 20 dicembre sarà al Palalottomatica di Roma, pronta a regalare con la sua calda voce una miriade di emozioni a tutti coloro che riusciranno a trovare i biglietti.

Quando si parla di Manga di solito si pensa ai famosi fumetti giapponesi e ai cartoon che ci hanno tenuto compagnia quando eravamo piccoli tutti i pomeriggi.
Oggi il genere manga approda al Teatro: Japan Anime Live sarà a Roma il 13 novembre al Gran Teatro di Tor di Quinto.
Inizialmente lo spettacolo di Roma era stato previsto al Palalottomatica. Per problemi tecnici è stato spostato al Gran Teatro, mantenendo però validi i biglietti acquistati precedentemente.

Il Japan Anime Live aveva fatto tappa anche l’anno scorso nel nostro paese riscuotendo un enorme successo, ora è tornato per intrattenere tutti gli appassionati.
Uno  spettacolo unico che è stato realizzato dai principali creatori di manga e di cartoni giapponesi,  uno show itinerante che sta toccando le principali città europee.
Lo spettacolo, rigorosamente dal vivo, proporrà diversi episodi tra le attuali serie animante made in Japan: Naruto, Shippuden, One Piece (All’arrembaggio), Gundam, Full Metal, Bleach, e Alchemist Brotherhood.

Per riproporre queste celebri serie animate giapponesi, vi saranno animazioni esclusive, azione e recitazione con musica dal vivo. Verrà montato uno schermo gigante di 10x5 metri dove saranno proiettate scene interpretate da attori/doppiatori giapponesi ufficiali delle serie animate, vestiti con costumi originali e che reciteranno dal vivo. Non mancheranno ovviamente i doppiatori italiani. Vi sarà inoltre  un sistema di karaoke che permetterà al pubblico di  cantare dal vivo tutte le più importanti sigle e canzoni pop giapponesi.

Per tutti gli appassionati della cultura nipponica un appuntamento da non perdere.

 

 

Torna, per la trentaquattresima volta il Roma Jazz Festival, a cura di Mario Ciampà. Il jazz è in Italia un genere musicale molto amato con ben un milione di fruitori. Quest’anno il costo per gli spettacoli è di 5 euro, un tentativo di venire incontro alle persone che amano ascoltare la musica ma che sono investite dalla crisi

Ogni anno il Festival ha un progetto: questa edizione è Gezz, acronimo di generazione Jazz, per sottolineare come negli ultimi tempi questo genere musicale ha rivestito un ruolo sempre più rilevante nel panorama italiano. Questo grazie al successo che molti musicisti italiani sono riusciti ad ottenere nel panorama musicale.
Quest’anno infatti al Roma Jazz Fest saranno presentati i più giovani nell'intento di far conoscere anche gli emergenti di questo genere musicale.

Il jazz è improvvisazione, è emozione, imprevedibilità, irripetibilità, perché libero e creativo. Se avete voglia di perdervi e farvi coinvolgere da questo stile intrigante l’appuntamento è da domani sino al 30 novembre.

Una delle cantanti più apprezzate dell’attuale panorama musicale, Malika Ayane, farà tappa a Roma all’Auditorium Parco della Musica per il suo Grovigli Tour 2010.

 La voce vellutata ed elegante di Malika Ayane affascina ogni volta che la si ascolta in radio, ora i più fortunati potranno assistere ad una sua perfomance live, l’8 dicembre sarà a Roma nel Palco dell’Auditorium, dove già si era esibita con grande successo nell’aprile scorso.

Ora dopo un periodo di grandi successi e collaborazioni torna con un tour dove sarà affiancata da una band con la quale la grande artista ha un grande affiatamento, composta da Giulia Monti, Stefano Brandoni, Marco Mariniello, Carlo Guadiello e Phil Mer.
Questo è stato un grande anno per Malika Ayane. Ha partecipato al Festival di Sanremo con la sua canzone “Ricomincio da qui” che le ha fatto guadagnare il premio della Critica Mia Martini ed è stata scelta da Paolo Virzì per la colonna sonora del film la Prima Cosa Bella che ora è in gara come miglior film straniero agli Oscar.

Attualmente Malika è presente con un brano in collaborazione con Cesare Cremonini suo compagno nella vita.
Chi è riuscito a trovare i biglietti potrà ascoltare questa fantastica voce, all’Auditorium Parco della Musica l’8 dicembre 2010 alle ore 21.00.

Vi ricordate la legge finanziaria che tagliava la cultura a Roma, ma non solo, e che metteva a rischio  l'offerta culturale del 2011?
Bene ora le istituzioni culturali hanno deciso di scioperare in segno di protesta.

A lanciare l’iniziativa è stato Umberto Croppi, Assessore alle politiche culturali e alla comunicazione del Comune di Roma, con Federculture a Anci, per dare vita ad uno sciopero senza precedenti.
Il 12 novembre la cultura chiude i battenti per manifestare il suo disaccordo contro la manovra finanziaria prevista per il settore.
E’ la prima volta che musei, biblioteche, istituti culturali chiuderanno le loro porte, e questo non avverrà solo a Roma ma in tutta Italia.
La manifestazione è intitolata  "12 novembre 2010: porte chiuse, luci accese sulla cultura". Aderirà alla mobilitazione anche il Fondo Ambiente Italiano  ed aziende del settore.
Si è visto, da poco, il cinema scioperare nel red carpet del Festival del Cinema di Roma ora ci pensano anche i musei. Speriamo che chi di dovere si renda conto che stanno tagliando le gambe a uno dei settori che è in grado di risollevare l’economia del paese.

Uno dei comici romani più amati, Enrico Brignano, è pronto per portare in scena uno degli spettacoli legati alla tradizione romana: “Rugantino”.

Uno spettacolo storico che ormai da più di cinquant’anni ha fatto il giro del mondo facendo conoscere la maschera romanesca, ora ritorna il 24 novembre in uno dei palchi più famosi della capitale, il teatro Sistina.
Rugantino è un personaggio sbruffone ma allo stesso tempo buono, un mix tra miseria e nobiltà. A fare da cornice alla spettacolo insieme a lui, ci sono Rosetta, il boia Mastro Titta, Eusebia.

Nello spettacolo con Brignano ritroveremo la celebre colonna sonora creata da Trovajoli, come Roma nun fa la stupida stasera, Ciummachella, e Tirollallero.

Il grande mattatore romano, Enrico Brignano, oltre a essere l’interprete in questa versione è anche il regista che ha deciso di guardare alla tradizione, con il ritorno in buca dell’orchestra come era nelle prime rappresentazioni del Rugantino.

Ad accompagnare Brignano vi saranno sedici solisti, mentre i costumi saranno quelli originali firmati da Giulio Coltellacci. Uno spettacolo storico, ma sempre attuale che sarà reso ancora più magico dal lavoro di Enrico Brignano, da non perdere.


Il grande genio universale, Michelangelo Buonarroti, che ha lasciato a Roma alcune delle opere più famose del mondo, è omaggiato con l’esposizione di uno dei suoi lavori, più dibattuti.

È esposto dal 29 ottobre sino al 5 dicembre il bozzetto in terracotta “I due lottatori” proveniente dalla Casa Buonarroti di Firenze.
L’opera fu ricomposta nell’attuale forma solo nel 1926 quando due grandi studiosi dell’artista, Giovanni Poggi e Johannes Wilde,  riuscirono nell’ardua impresa.
Se l’attribuzione michelangiolesca è certa, dubbia è l’identificazione dell’opera a cui lo studio era destinato. Per alcuni era un lavoro preliminare per una grande statua che doveva affiancare il David davanti a Palazzo Vecchio, per altri invece era un bozzetto per delle sculture allegoriche che erano state pensate per la Tomba di Giulio II a Roma.
I due lottatori sono visibili nella Sala degli Arazzi di Palazzo dei Conservatori in Campidoglio.

Dopo il 5 dicembre il Campidoglio ospiterà un capolavoro del suo più noto e grande “concorrente”, Leonardo da Vinci: il Musico. Un evento unico visto che sono cinquecento anni che non esce dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano.
L’esposizione a Roma di questi due capolavori è l’anticipazione di uno dei più grandi eventi dell’autunno del 2011, una mostra in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia che vedrà insieme Michelangelo e Leonardo. Il titolo dell’esposizione sarà Due italiani prima dell’Italia e vedrà l’esibizione di cento opere di Michelangelo e cento opere di Leonardo, provenienti rispettivamente da Casa Buonarroti di Firenze e dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano.
In attesa di questo evento epocale, gustiamoci questi piccoli assaggi!

Lo spettacolo coinvolgente ed originale che ha conquistato il mondo torna nella capitale per contagiare tutti con il suo ritmo travolgente.

Stiamo parlando di Stomp che calcherà il palco del Teatro Olimpico di Roma dal 9 al 17 Novembre 2010.
Uno spettacolo unico nel suo genere, privo di trama, personaggi e parole. Protagonista è il suono del nostro tempo. I rumori della civiltà urbana contemporanea vengono esaltati  diventando musica. Gli oggetti della vita quotidiana come i bidoni della spazzatura, i pneumatici, i lavandini, le scope, gli spazzolini, diventano delirio artistico e musicale, dando vita ad un’opera metropolitana.

Era il 1991 quando la creatività di Luke Cresswell e Steve McNicholas crearono in Inghilterra Stomp, che è la manifestazione in musica della Pop Art. Il ritmo travolgente di questa compagnia ha entusiasmato il pubblico di ogni lingua, cultura e generazione, rompendo le barriere culturali, ora finalmente torna a Roma per bissare il grande successo di qualche anno fa.

Non solo musica e spettacolo ma anche messaggio ecologico, in quanto la loro è anche una sfida ecologica sullo spreco urbano.
Se volete passare una serata fatta di musica, danza e puro ritmo non perdetevi Stomp al Teatro Olimpico di Roma.

Uno dei gruppi storici italiani fa tappa nella capitale in occasione del loro nuovo tour nei più importanti teatri italiani.

Quarant’anni di carriera, un ritmo di ben 150 concerti all’anno, centinaia di canzoni che sono state le colonne sonore di tantissime persone nei momenti più importanti della loro vita.
Stiamo parlando dei Nomadi che saranno in concerto a Roma il 18 Novembre al Teatro Olimpico.
Il 26 ottobre è uscito l’ultimo disco dei Nomadi “Raccontiraccolti” contenente 11 cover di canzone famose dei cantautori italiani arrangiati e reinterpretati dai Nomadi. Da Novembre i Nomadi iniziano un nuovo Tour Teatrale anticipato dal singolo Hey man in onda dal 1 ottobre nelle più importanti stazioni radiofoniche italiane, in duetto con Zucchero.
I Nomadi si sono formati negli anni Sessanta in un periodo che vedeva la nascita di tantissime band musicali. Molti di questi gruppi oggi sono scomparsi i Nomadi no, nel corso degli anni nonostante alcuni cambiamenti del gruppo originario continuano con successo la loro carriera.
La formazione attuale è insieme ormai da dodici anni ed è composta da Danilo Sacco, Sergio Reggioli, Beppe Carletti, Daniele Campani, e Cicco Falzone.
Le canzoni dell'ultimo disco sono state scelte per il legame di amiciza tra i Nomadi e i cantanti delle canzoni riarrangiate, ma anche tenendo conto di brani che sono stati poche volte oggetto di cover. Il riarrangiamento musicale ha donato vitalità a canzoni storiche italiane senza però stravolgerne la melodia.
Il 18 Novembre sono a Roma per uno spettacolo da non perdere in tipico stile “nomade”.

Come molti sapranno i musei romani di consuetudine chiudono di Lunedì, oggi 1 Novembre invece numerose strutture espositive della capitale hanno deciso di rimanere aperte, per permettere in questo giorno di festa di poter godere del patrimonio culturale della città eterna.
Finalmente potrete visitare Roma non solo nel fine settimana ma anche in un giorno che di solito è lavorativo e decidere di vedere qualche sito archeologico o qualche mostra d’arte.
Una giornata particolare da passare per i vicoli della capitale ed assaporare un po’ di area natalizia che è già alle porte, visto che molte strutture commerciali della città si sono già attrezzati con scaffali pieni di oggettistica natalizia e idee regalo.
Con Ez Rome vi elenchiamo le principali strutture museali, siti archeologici e mostre d’arte che potete visitare.
MUSEI E AREE ARCHEOLOGICHE STATALI
Aperti con il normale orario di apertura:
- Colosseo
- Foro Romano e Palatino
- Terme di Caracalla
- Villa dei Quintili - Mausoleo di Cecilia Metella
- Museo Nazionale Romano (Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano)
- Galleria Nazionale d'Arte Moderna GNAM aperta 1 nov, chiusa 2 nov
-
Museo HC Andersen aperto 1 nov, chiuso 2 nov
-
Museo Mario Praz aperto 1 nov, chiuso 2 nov
-
Museo Boncompagni Ludovisi aperto 1 nov, chiuso 2 nov
- Museo Etrusco di Villa Giulia
- Museo Nazionale d'Arte Orientale
- Museo Nazionale dell'Alto Medioevo
- Galleria Borghese aperta 1 nov, chiusa il 2 nov
- Museo di Palazzo Venezia
- Castel Sant'Angelo aperto 1 nov, chiuso il 2 nov
- Domus a Palazzo Valentini
- MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
- Explora il Museo dei Bambini di Roma
- Villa Adriana
- Villa d'Este aperta il 1 nov, chiusa il 2 nov

CHIUSI:
-
Museo Etnografico L. Pigorini chiuso
- Museo Arti e Tradizioni Popolari  chiuso
- Scavi di Ostia Antica chiuso
- Museo della via Ostiense  chiuso

MUSEI E AREE ARCHEOLOGICHE STATALI CON APERTURA ANCORA DA CONFERMARE E DEFINIRE:

- Galleria Nazionale d'Arte Antica (Palazzo Barberini, Galleria Corsini, Galleria Spada)

MUSEI COMUNALI
Aperti secondo il consueto orario

- Musei Capitolini
- Centrale Montemartini
- Mercati di Traiano
- Museo dell'Ara Pacis
- Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco
- Museo della Civiltà Romana
- Museo delle Mura
- Villa di Massenzio
- Museo di Roma
- Museo Napoleonico
- MACRO
- MACRO Testaccio 
- Museo Carlo Bilotti
- Museo Pietro Canonica
- Museo di Roma in Trastevere
- Musei di Villa Torlonia
- Planetario e Museo Astronomico
- Museo Civico di Zoologia

ALTRE SEDI COMUNALI

- Palazzo delle Esposizioni CHIUSO
- Casina di Raffaello CHIUSA
- Technotown
aperta con orario consueto

MOSTRE APERTE

I GRANDI VENETI DA PISANELLO A TIZIANO....
Orario: 10.00-20.00
Chiostro del Bramante

1861. I PITTORI DEL RISORGIMENTO
Orario: 10.00-20.00
Scuderie del Quirinale

VINCENT VAN GOGH...
Orario: 9.30-20.30
Complesso del Vittoriano

LEONARDO DA VINCI. IL GENIO E LE INVENZIONI
Orario: 9.30-19.30
Palazzo della Cancelleria

IL GENIO DI LEONARDO
Orario: 9.30-20.00
Sale del Bramante
Per info: www.060608.it

Siete in cerca di un’idea carina per Halloween che non sia la solita festa in maschera di mostri, streghe e vampiri? Questa che stiamo per segnalarvi è veramente  originale.
Che ne dite di un giro per Roma con il TramJazz per passare una serata di buona musica, ottima cena e un tour notturno della città eterna?
Uno dei tram storici della capitale è diventato un ristorante e una sala da concerto viaggiante.
Importanti musicisti jazz faranno da colonna sonora alla vostra serata: Bill Smith, Paolo Ravaglia, Elio Tatti, Giampaolo Ascolese, Maro Loddo, Filiberto Palermini, Renato Gattone, Massimo d’Agostino, Gabriele Coen ed Andrea Avena.
La cena invece a base di prodotti laziali è curata dall’Enoteca Regionale Palatium.
La serata inizia alle nove di sera partendo da Porta Maggiore, il percorso comprende i più importanti monumenti della capitale: la  Piramide Cestia, i Fori Imperiali, Piazza Vittorio, si farà poi una binario sosta al Parco del Celio vicino al Colosseo.
Il progetto di TramJazz è una iniziativa curata da Nunzia Fiorini e Anna Maria Sciannimanico per la struttura Brecce per l’arte contemporanea in collaborazione con Trambus. TramJazz organizza una serata anche per il 31 ottobre la notte di Halloween, da non perdere.
Per info: www.tramjazz.com

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti, ad esempio per un compleanno, scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure i regali last minute

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso